Demo
Email
  • Home
  • Padova e Dintorni

I Fasti di due Epoche

Percorsi guidati all’ ombra di mura, torri e merlature che sono tra le meglio conservate d’Europa. Queste severe costruzioni, sorte per necessità difensive e conservatesi fino ai giorni nostri, rappresentano l’attrattiva turistica più spettacolare di queste cittadine in provincia di Padova. Le visite offrono una magnifica opportunità per farsi un’idea precisa di cosa rappresentasse nel passato vivere in un borgo medioevale fortificato. Il territorio di Padova è inoltre impreziosito da splendide ville nobiliari spesso circondate da vasti parchi e giardini monumentali che riflettono lo stile di importanti architetti come Andrea Palladio e Vincenzo Scamozzi. Le visite permettono di rivivere le voci del passato e il fasto di quelle antiche corti.

Gli itinerari si possono effettuare in mezza giornata o in giornate intere in base alle esigenze.
La visita guidata delle singole cittadine dura circa: 2,30 h.

Monselice:

E’ la prima delle tre città murate che si incontra lungo la strada che collega Padova a Rovigo. La sua storia comincia in epoca romana quando fu vicus romano, divenuto poi castrum bizantino ed infine, importante centro del regno longobardo. Le mura a difesa della città furono erette nel XII secolo. La visita parte dalla piazza principale della città da dove si arriva in pochi minuti al Castello: un complesso architettonico formato da più edifici costruiti gli uni a ridosso degli altri nel corso dei secoli. Si prosegue poi fino a raggiungere la cinquecentesca Villa Nani Mocenigo che con la sua scenografica scalinata ornata da statue e chiusa da un tempietto che immerge il visitatore in un’atmosfera tutta barocca. Da lì si prosegue fino ad arrivare al duecentesco Duomo per raggiungere poi la Rotonda: terrazza panoramica che consente di ammirare Monselice dall’ alto e immortalarne la bellezza del paesaggio circostante. Attraversando l’antica Porta Romana si continua la visita lungo la via delle Sette Chiese: percorso sacro realizzato nel XVII secolo su progetto di Vincenzo Scamozzi costituito da sei cappelle ognuna delle quali intitolata a una basilica di Roma tra le quali troveremo la Chiesa di S. Giorgio cappella privata dell’attigua Villa Duodo progettata anch’ essa da Vincenzo Scamozzi. La villa circondata da uno splendido giardino all’ italiana è famosa per l’esedra di S. Francesco costruita per ricordare il soggiorno, in questo luogo, di S. Francesco Saverio. Durata della visita 2.30 h circa. (eventuale ingresso al castello facoltativo e a pagamento)

Monselice Vista

Monselice Vista

Monelice Castello

Monelice Castello

Monselice La Scalinata

Monselice La Scalinata

Monselice Via Delle 7 Chiese

Monselice Via Delle 7 Chiese

Este

Cittadina ai piedi dei Colli Euganei è abitata da tempi molto remoti: già nell’età del ferro, infatti, era il principale insediamento degli antichi Veneti o Paleoveneti, i quali svilupparono la città, facendo fiorire l’economia grazie agli scambi con le civiltà limitrofe, facendola diventare un importante centro grazie anche alla sua favorevole posizione sul fiume e sulla via Aemilia Minor. Dopo i difficili anni di decadenza del Medioevo Este iniziò la sua ripresa con l’avvento della Famiglia degli Este importante famiglia veneta che proprio dalla città prese il nome. La visita alla scoperta di queste pietre millenarie inizia dalla principale piazza del centro storico dove si affacciano i palazzi più prestigiosi della città. Qui si presentano interessanti scorci che meritano una sosta fotografica: la torre civica con l’orologio, le residenze signorili, i luoghi di culto e la possente cinta muraria del castello carrarese. La parte meridionale del castello, trasformata nel XVI secolo in palazzo dalla famiglia Contarini, ospita al suo interno il Museo Nazionale Atestino, che raccoglie importanti testimonianze della civiltà paleoveneta. Si prosegue la visita nei giardini del Castello per osservare la possente Torre del Mastio e la sua poderosa muraglia fino a raggiungere il Duomo in piazza Santa Tecla: il più antico luogo di culto cristiano in città. Si imbocca poi la via dei Cappuccini fino a raggiungere il panoramico sentiero del Principe per arrivare al Palazzo del Principe voluto dalla famiglia Contarini e progettato alla fine del cinquecento da Vincenzo Scamozzi. La visita si conclude alla vicina Abbazia di Santa Maria sede nel XII secolo di una comunità Agostiniana. Durata della visita 2,30 h ore circa.

Este Mura

Este Mura

Este Piazza Maggiore

Este Piazza Maggiore

Este Castello

Este Castello

Este I Giardini Di Castello Carrarese

Este I Giardini Di Castello Carrarese

Montagnana

Questa cittadina è celebre soprattutto per la sua cinta muraria, anche se, come Monselice ed Este vanta origini molto più antiche risalenti all’età del Bronzo. Si sviluppò poi come centro in epoca romana rivestendo il ruolo di roccaforte difensiva in periodo tardo imperiale e, in seguito, sotto il dominio Bizantino e Longobardo. La visita alla scoperta dei segreti nascosti dentro le mura della città inizia dal centro storico e permette di ammirare la possente fortificazione e i suoi quattro principali ingressi. Lungo il percorso ci si sofferma davanti a nobili dimore tra cui: il Castello di San Zeno voluto nel 1242 da Ezzelino III da Romano, la Rocca degli Alberi costruita in epoca Carrarese,  Villa Pisani opera del Palladio e il Duomo, la cui architettura complessa armonizza gli elementi gotici con quelli rinascimentali. Si prosegue poi oltre la Piazza e passeggiando all’ ombra dei porticati veneziani si raggiunge l’Ospedale della Natività con il suo mirabile portale in stile rinascimentale. Poco pochi passi si arriva alla Chiesa di San Francesco del XIV secolo in cui è conservata una Trasfigurazione della scuola del Veronese e una Madonna con il Bambino di Palma il Giovane. Da non sottovalutare il fatto che Montagnana è famosa per la produzione del prosciutto: non sarà difficile trovare un posto dove assaporarlo facendo una breve sosta!!! Durata della visita 2,30h circa.

Montagnana

Montagnana

Montagnana Vista Delle Mura Di  2

Montagnana Vista Delle Mura Di 2

Montagnana Vista Delle Mura 3

Montagnana Vista Delle Mura 3

Montagnana Piazza Vittorio Emanuele

Montagnana Piazza Vittorio Emanuele

Cittadella

Visita del centro storico per fare un “tuffo” nel medioevo passeggiando lungo la cinta muraria (uno dei pochi esempi di sistema difensivo con camminamento di ronda ancora percorribile) perfettamente conservata nel tempo. La visita comincia entrando da Porta Bassano la porta difensiva per eccellenza: rappresentava l’ingresso più soggetto a frequenti attacchi e di conseguenza il meglio difeso. Affiancano l’antica porta due edifici speculari la Casa del Capitano e la Casa della Guarnigione: al loro interno trovarono posto le camerate dei soldati con tutti i loro cavalli e gli armamenti, l’abitazione del capitano, il tesoro e l’archivio della città. La visita prosegue verso il centro di Cittadella per raggiungere la piazza principale sede del Duomo eretto sul luogo in cui sorgeva l’antica chiesa parrocchiale, ormai troppo piccola per far fronte all’ aumento della popolazione della cittadina. Si prosegue poi per concludere la visita davanti a Porta Padova dove si trova la famigerata Torre di Malta tanto famosa al punto che Dante Alighieri la citò nella Divina Commedia nel canto I del Paradiso. Durata della visita 1,30 h circa (eventuale ingresso al  camminamento facoltativa e a pagamento).

Cittadella Camminamento

Cittadella Camminamento

Cittadella Fossato

Cittadella Fossato

Cittadella Stemma Dei Carraresi

Cittadella Stemma Dei Carraresi

Cittadella Stemma Dei Carraresi

Cittadella Stemma Dei Carraresi

Cittadella Duomo

Cittadella Duomo

Arquà Petrarca

E’ considerato uno tra i più belli e caratteristici borghi dei Colli Euganei che mantiene ancora in gran parte intatto il suo fascino trecentesco. Il suo nome è legato al famoso poeta Francesco Petrarca che decise di trascorrere qui gli ultimi anni della sua vita. Percorreremo le vie dell’antico borgo medioevale osservando le vecchie case di sassi e mattoni disposte secondo l’andamento irregolare del terreno per farci invadere dall’ atmosfera un po’ sognante e incantata che pervade l’abitato rimasto sospeso nel suo passato medioevale. Raggiungeremo la piazzetta inferiore del borgo delimitata dalla Chiesa di Santa Caterina e da trecenteschi palazzi nobiliari: al centro della piazza è situato il sepolcro in marmo rosso del famoso poeta. Nei pressi della piazza potremo ammirare una magnifica fontana duecentesca, Arriveremo poi alla piazzetta superiore sede della Loggia dei Vicari con gli stemmi delle casate nobiliari succedutesi nell’ amministrazione del territorio. Proseguiremo poi lungo la salita per raggiungere la Casa del Petrarca costruita nel XIV secolo. Durata della visita 2h circa (eventuale ingresso alla Casa del Petrarca facoltativa e a pagamento)

Arqua Petrarca Tomba Di Francesco Petrarca

Arqua Petrarca Tomba Di Francesco Petrarca

Arqua Petrarca

Arqua Petrarca

Arqua Petrarca Borgo

Arqua Petrarca Borgo

Arqua Petrarca Borgo 2

Arqua Petrarca Borgo 2

Arqua Petrarca Casa Del Petrarca

Arqua Petrarca Casa Del Petrarca

I fasti di due epoche: le dimore patrizie

Piazzola sul Brenta – Villa Contarini

Villa Contarini è una delle più belle e più grandi ville presenti in territorio Veneto; si impone per le sue dimensioni davanti alla grandiosa piazza semicircolare che la valorizza creando una singolare e preziosa scenografia. La visita comincia nell’ ampio giardino per poi continuare al suo interno dove i visitatori possono ammirarne gli sfarzi degni di nota ricordi dei fasti dell’epoca d’oro della Repubblica di Venezia. La villa è famosa per la sua Sala della Musica o a chitarra rovesciata ambiente che testimonia qualità e la raffinatezza degli intrattenimenti musicali offerti dal patrizio veneziano agli ospiti della sua residenza e per la sua Galleria delle Conchiglie decorata con gusto manieristico da rilievi e cornici di conchiglie che riproducono il mondo marino (granchi, cavallucci marini, ancore). Durata della visita 2,30h circa.

Piazzola Sul Brenta Porticato Davanti Villa Contarini

Piazzola Sul Brenta Porticato Davanti Villa Contarini

Villa Contarini Vista Centrale Della Facciata

Villa Contarini Vista Centrale Della Facciata

Piazzola Sul Brenta Villa Contarini

Piazzola Sul Brenta Villa Contarini

Piazzola Sul Brenta Galleria Delle Conchiglie Villa Contarini

Piazzola Sul Brenta Galleria Delle Conchiglie Villa Contarini

 

Valsanzibio  – Villa Barbarigo-Pizzoni Ardemani

La splendida villa fu acquistata nel XV secolo dalla famiglia Contarini, per poi passare a quella dei Barbarigo a fine XVI secolo, a cui si deve la realizzazione del famosissimo Giardino Barbarigo-Pizzoni Ardemani che si estende su una superficie di ben 150.000 metri quadrati. Il giardino venne realizzato dall’architetto Luigi Bernini e rappresenta l’esempio più significativo di giardino simbolico del XVII secolo, costituito da fontane, ruscelli, cascate, scherzi d’acqua e peschiere che simboleggiano una sorta di percorso spirituale che l’uomo deve affrontare per raggiungere purificazione e salvezza. Il giardino è stato reso famoso anche dalla presenza di un labirinto che si sviluppa per circa un chilometro e mezzo. Durata della visita 2,30 h circa.

Valsanzibio Villa Barberigo

Valsanzibio Villa Barberigo

Valsanzibio Villa Barbarigo

Valsanzibio Villa Barbarigo

Valsanzibio Villa Barbarigo Parco

Valsanzibio Villa Barbarigo Parco

Valsanzibio Villa Barbarigo Parco 2

Valsanzibio Villa Barbarigo Parco 2

Valsanzibio Villa Barbarigo Parco 3

Valsanzibio Villa Barbarigo Parco 3